Gliconato di calcio nell’ipercalemia

L’iperkalemia è una condizione grave che è causata da quantità in eccesso del potassio minerale nel flusso sanguigno. Non trattata, l’ipercalemia può portare a danni permanenti e persino a morte per cambiamenti nel ritmo cardiaco. Anche se l’iperkaliemia è una condizione grave, è anche una delle anomalie elettrolitiche più facilmente trattate. La somministrazione di gluconato di calcio è il trattamento principale per questa condizione.

L’iperkalemia può svilupparsi per una serie di motivi, tra cui l’uso di determinati tipi di farmaci o di mangiare alimenti che presentano elevati livelli di potassio. Inoltre, alcune persone affette da malattie croniche che colpiscono i reni, come il diabete, possono sviluppare l’ipercalemia se i reni non sono in grado di filtrare abbastanza potassio fuori dal corpo. Ciò può causare un accumulo di potassio nel flusso sanguigno. Secondo la Virginia Commonwealth University, circa il 90 per cento del potassio del corpo si trova all’interno delle cellule, l’8 per cento è nelle ossa e il 2 per cento è nel fluido che circonda le cellule. Quando una persona sviluppa l’ipercalemia, il potassio è uscito dalle cellule e sta circolando nel flusso sanguigno. Uno dei meccanismi di trattamento attraverso il gluconato di calcio è cambiare le membrane cellulari per correggere l’equilibrio di quel potassio.

La gamma normale di potassio nel flusso sanguigno è tra i 3,7 ei 5,2 miliardi di equivalenti per litro (mEq / L). L’iperkalemia è considerata un livello di potassio superiore a 5,5 mEq / L. L’effetto più significativo dell’ipercalemia è che può causare cambiamenti nel ritmo cardiaco. Una persona con l’iperkaliemia può sviluppare una bassa frequenza cardiaca, nota come bradicardia, una frequenza cardiaca estremamente elevata, nota come tachicardia o gravi anomalie del ritmo cardiaco, compresa la fibrillazione ventricolare o anche asistolo, che si verifica quando il cuore smette di battere. Altri effetti dell’ipercalemia includono modifiche al sistema neuromuscolare, che possono coinvolgere spasmi muscolari, debolezza o addirittura paralisi.

Il primo metodo di trattamento per l’iperkaliemia consiste nel dare gluconsio di calcio. Durante l’iperkaliemia, il potassio passa fuori dalle cellule e nel fluido extracellulare del flusso sanguigno e si verificano cambiamenti nella tensione della membrana cellulare. Ciò causa le cellule muscolari nel corpo, in particolare il cuore, per diventare più eccitabili, che provoca cambiamenti di ECG e ritmi cardiaci anormali. Il gluconato di calcio ripristina l’equilibrio della tensione della membrana cellulare, riducendo l’eccitabilità del muscolo cardiaco e risolvendo molti cambiamenti nel ritmo cardiaco visto su un ECG.

Tra i tipi di calcio somministrati per il trattamento dell’ipercalemia, il gluconato di calcio è la prima scelta perché può essere facilmente regolato e meno rischio di tossicità, come nei casi in cui può essere somministrato cloruro di calcio. Il gluconato di calcio non è sempre dato ai pazienti che già assumono farmaci per regolare la frequenza cardiaca, compresa la digossina, perché il gluconato di calcio può causare tossicità di quel tipo di medicinale e peggiorare la condizione del paziente. In questa situazione, alcune modifiche sull’ECG garantiscono un’attenta somministrazione di gluconato di calcio, deciso da un medico. Il gluconato di calcio è tipicamente somministrato per via endovenosa per un periodo di due o tre minuti. I suoi effetti durano da 30 a 60 minuti, che possono dare a un medico un po ‘di tempo per cercare di determinare la causa dell’ipercalemia e di fornire un ulteriore trattamento attraverso misure come la dialisi per correggere i livelli di potassio.

Cause di ipercolemia

effetti

Come funziona il calcio gluconato?

considerazioni