Può esercitare troppo duro durante la gravidanza danneggiare il tuo bambino?

Se esercitate regolarmente prima di rimanere incinta, rimanendo attivi durante la gravidanza può aiutare a mantenere la tua forza e anche alleviare i sintomi scomodi come gonfiori, schiena e costipazione. Ma spingendo troppo il tuo corpo può mettere a rischio sia tuo che il tuo bambino, quindi prendi un approccio modificato per esercitare fino a quando il tuo bambino non è nato.

Temperatura corporea

È normale che la temperatura corporea aumenta quando sei attivo, ma non esegui l’esercizio fisico che ottiene troppo caldo durante la gravidanza. Il surriscaldamento è particolarmente pericoloso nel primo trimestre, perché è un periodo critico per lo sviluppo dei principali organi del bambino. Potresti surriscaldarsi più rapidamente durante la gravidanza, quindi esercitarti in una posizione fredda e bere molta acqua prima, durante e dopo l’allenamento per rimanere idratata.

Frequenza cardiaca

Un cuore da corsa è un altro segno che stai spingendo troppo duro durante un allenamento. Se sei senza fiato, non è solo quello che ha bisogno di più ossigeno, ma il tuo bambino potrebbe non ricevere l’ossigeno che ne ha bisogno. Una buona norma è assicurarsi di poter parlare normalmente durante l’esercizio fisico.

Limiti di sollevamento

Se stavi già sollevando pesi prima di rimanere incinta, va bene continuare finchè hai il permesso del medico. Ma i pesi pesanti possono mettere lo stress sulle articolazioni, che divengono più allentate durante la gravidanza grazie a livelli elevati dell’ormone relaxin. Limitatevi a pesi più leggeri durante la gravidanza e aumentate il numero di ripetizioni eseguite.

Considerazioni sul bilancio

Quando la tua pancia cresce e il tuo centro di gravità si sposta, sei più inclini a cadere, che può danneggiare voi e il tuo bambino. Evita gli esercizi progettati per verificare il tuo equilibrio, come il sollevamento del peso in piedi su una palla di Bosu o su una gamba. E invece di fare jogging, fare escursioni a piedi e camminare su terreni ruvidi o irregolari, attaccare a superfici piane fino alla gravidanza.

La cosa più importante da ricordare quando si esercita durante la gravidanza è che se si sente male, non farlo. La gravidanza non è il momento di spingere il proprio corpo al di là della sua zona di comfort, per cui concentri invece sul semplice mantenimento attivo. Infine, se si verificano sintomi insoliti quali sanguinamento vaginale, vertigini, mancanza di respiro, mal di testa, dolori al torace, dolore al polpaccio o gonfiore, debolezza muscolare, contrazioni uterine, ridotto movimento fetale o fluido che scompare dalla vagina, smettere di esercitare e chiamare medico.

Linee guida generali