Squilibrio elettrolitico nella ketoacidosi diabetica

Se hai diabete, è importante conoscere la ketoacidosi diabetica (DKA). DKA è una grave complicazione del diabete che si verifica quando la mancanza di insulina e di zucchero nel sangue elevato portano a squilibri chimici potenzialmente pericolosi per la vita. La buona notizia è che DKA è in gran parte evitabile. Anche se DKA è più comune con il diabete di tipo 1, può anche verificarsi con il diabete di tipo 2. Alti livelli di zucchero nel sangue provoca eccessiva urinazione e spargimento dello zucchero nelle urine. Ciò porta alla perdita di acqua corporea e disidratazione, nonché alla perdita di importanti elettroliti, tra cui sodio e potassio. Anche il livello di un altro elettrolito, bicarbonato, cade come l’organismo cerca di compensare il sangue eccessivamente acidulo.

Bicarbonato e Acidosi

L’insulina aiuta lo zucchero nel sangue muoversi nelle cellule, dove viene utilizzato per la produzione di energia. Quando manca l’insulina, le cellule devono sfruttare energia alternativa riducendo i grassi. I sottoprodotti di questo processo alternativo sono chiamati chetoni. Alte concentrazioni di chetoni acidificano il sangue, quindi il termine “ketoacidosi”. L’acidosi causa sgradevoli sintomi come nausea, vomito e respiro rapido. Il bicarbonato è un elettrolita che normalmente neutralizza l’acidità del sangue. In DKA, il livello di bicarbonato cade come aumenta la produzione di chetoni e l’acidosi progredisce. Il trattamento di DKA comprende una rapida integrazione dell’insulina per ridurre lo zucchero nel sangue, che porta a un graduale ripristino del livello di bicarbonato.

Potassio

Il potassio può essere basso in DKA perché questo elettrolita è perso a causa di una eccessiva urinazione o vomito. Quando l’insulina è usata per il trattamento del DKA, può ulteriormente abbassare il potassio di sangue spingendolo nelle cellule. I sintomi associati a basso contenuto di potassio includono fatica, debolezza muscolare, crampi muscolari e un ritmo cardiaco irregolare. Il potassio fortemente basso può portare a anomalie del ritmo cardiaco. Il monitoraggio frequente e la corretta correzione di un basso potassio possono essere salvaguardati. Il potassio può essere somministrato per via orale, ma in DKA, l’infusione endovenosa è il modo migliore per riempire rapidamente il potassio.

Sodio

Il sodio è essenziale per mantenere una pressione sanguigna stabile e un equilibrio fluido nel corpo. Alti livelli di zucchero nel sangue provoca eccessiva urinazione con perdita di acqua corporea e sodio. Ciò può causare disidratazione e bassa pressione sanguigna. Quando il corpo ha bisogno di ripristinare l’acqua nel flusso sanguigno, lo fa tirandolo da altri tessuti. Questo afflusso di acqua nel flusso sanguigno può causare ulteriore diluizione del sodio nel sangue. Un basso livello di sodio può causare sintomi di vertigini, stanchezza, debolezza generale e, se grave confusione mentale o confusioni. Insulina e fluidi endovenosi contenenti cloruro di sodio vengono utilizzati per trattare il deficit di sodio causato da DKA.

Prevenzione e attenzione

DKA è una condizione grave ma prevenibile. Il monitoraggio frequente dello zucchero nel sangue, l’adesione a medicinali prescritti e il riconoscimento di segni di allerta precoce sono elementi chiave della prevenzione. I sintomi comuni da guardare comprendono nausea, vomito, dolori addominali e mancanza di respiro. Il controllo dei chetoni nel sangue o nelle urine con un kit di test per la casa può anche aiutare con la diagnosi precoce del DKA. È importante consultare regolarmente con il medico per stabilire gli obiettivi dello zucchero nel sangue. Durante i periodi di stress o di malattia, può essere necessario monitorare più frequentemente, in quanto lo zucchero nel sangue tende a fluttuare. La ricerca di un’attenzione medica tempestiva per segni di allerta precoce del DKA può impedire gravi complicazioni.